#LUOGHIDARICORDARE

Luce, montagne e uno stile tutto francese: Grenoble

Grenoble

Partiamo in auto il 16 agosto 2014 alle 8:00 in punto da Roma e intorno alle 20:00 siamo a Grenoble. Abbiamo prenotato una stanza all’Ibis Grenoble-Centre Hotel che ha un parcheggio coperto e si trova in posizione ottima per fare due passi nel centro storico dopo una riposante doccia calda. Il lungo fiume, animato e romantico, è davvero una scoperta di questa città, il cui nome finora ci ha sempre solo sfiorato, ricordandoci le Olimpiadi e il bel mondo dello sci.

Per cena ci fermiamo in un ristorante che ha l’aria di una modesta “brasserie”, il Café de la Table Ronde, in Place Saint-André. Immaginate la nostra sorpresa nello scoprire che si tratta di un locale dalle antiche origini (addirittura si dice tra i più antichi, non solo di Grenoble, ma di tutta la Francia). Al suo interno gruppi elegantemente vestiti ordinano ostriche e champagne, mentre noi ripieghiamo su ricette della regione: un “faux-filet” e una salsiccia della zona accompagnata da verdure e un gratin di patate, certamente più adatte ad una serata invernale …è comunque già un’impresa aver ordinato perché il servizio è rapido ma brusco e di poche parole.

Il mattino seguente ci alziamo nonostante tutto con un buon appetito, visto che sfruttiamo al meglio l’abbondante colazione a buffet dell’albergo. Ed è un vero sogno addentare il primo “pain au chocolat” della vacanza: allora è proprio vero, siamo in Francia! Usciamo per un giro della città, che con la luce abbagliante del mattino ci sembra ancora più bella, calma e piatta tra le montagne, animata da un piccolo e centralissimo mercatino alimentare. Abbiamo anche il tempo di prendere una particolare funicolare a “uovo” per salire alla fortezza della Bastiglia da cui si gode di una vista meravigliosa. La discesa è meno piacevole perché le cabine di forma tonda hanno la naturale tendenza ad ondeggiare nel vento e si ha la sensazione di essere all’interno di una biglia!

Una piccola pausa in un bel giardino e alle 11:30 siamo in macchina pronti per la nostra prossima tappa dell’itinerario (da Roma alla Dune du Pilat).

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*