MAGAZINE

Organizzare un viaggio a New York: consigli dalla A alla Z

viaggio a New York

Di ritorno da Nyc, abbiamo scritto una serie di suggerimenti da dare a chi è in partenza o sta organizzando un viaggio a New York. Da leggere fino in fondo! 

ORGANIZZARE UN VIAGGIO A NEW YORK: PRIMA DI PARTIRE

QUANTI GIORNI?

Ora che siamo tornati, siamo d’accordo nel dire che per godere realmente dell’atmosfera di Nyc sia necessario fermarsi “almeno” una settimana, se possibile anche più tempo. I trasferimenti da un quartiere ad un altro sono lunghi e soprattutto è necessario prendersi pause per osservare e per capire. Il tempo perfetto è di dieci giorni pieni.

QUANDO ANDARE A NYC

Ovunque si legge che i momenti migliori sono la primavera e l’autunno. Ma cosa dire del fascino di Nyc sotto la neve?

Noi siamo partiti a fine agosto, quindi sfidando il gran caldo. In realtà, forse perché abituati a Roma, le temperature non ci hanno disturbati troppo. La luce fino alle otto di sera ci ha permesso di girare di più e goderci la città con le sue attività all’aria aperta.

Quindi quando andare a New York? Quando potete, quando avete ferie e budget disponibile. Nella vita ci sarà sempre il tempo di tornare di nuovo. Per spendere meno alcuni periodi sono più indicati, in assoluto da gennaio a marzo, la bassa stagione newyorkese.

DOCUMENTI

Dovete partire con un passaporto valido (con la firma digitale) e l’Esta confermata. Si fa facilmente online, il costo è di circa 14 dollari a persona (state attenti a siti web intermediari che chiedono prezzi più alti). In più all’aeroporto di arrivo negli USA vengono prese impronte digitali e foto. Può capitare di dover rispondere a semplici domande sui motivi del viaggio, nome dell’hotel, con quanti dollari state viaggiando.

Per i pagamenti, potrete usare ovunque la carta di credito (meglio se avete la ricaricabile), ma è utile partire con una piccola somma di dollari cambiati in banca per le prime spese.

Altro passaggio obbligato prima della partenza è l’assicurazione medica: troverete pacchetti viaggio per ogni compagnia assicurativa. Noi abbiamo scelto la Global Alliance, ma per fortuna non abbiamo avuto modo di usarla, quindi non possiamo dare giudizi al riguardo.

VIAGGIO A NEW YORK: COME ORGANIZZARE UN ITINERARIO

GUIDA E DINTORNI

Consigliamo la miglior guida in assoluto per la città, la Lonely Planet. Prendetevi un po’ di tempo prima di partire per leggere notizie e curiosità sui diversi quartieri: anche se siete abituati ad arrivare in un posto in libertà, senza un’idea di dove andare, ricordate che a New York rischiate di trascorrere il tempo in metropolitana. Quindi potete decidere di saltare tutte le attrazioni turistiche, ma fatelo con consapevolezza.

Per chi vuole costruire un proprio itinerario l’idea principale è di unire nello stesso giorno solo quartieri vicini, con un occhio agli orari. In base al clima e alle impressioni del momento farete sempre in tempo a cambiare. Utile la guida ufficiale della città www.nycgo.com.

ARRIVARE A NYC

Inutile dire che in un viaggio a New York la spesa dell’aereo è la più importante. Potendo visitare Nyc solo d’estate (alta stagione) noi abbiamo avuto problemi a trovare un prezzo accettabile, ma infine abbiamo optato per un volo diretto Alitalia a 600,00 Euro a persona (incluso bagaglio e tasse). Quando cercate il volo considerate che a volte dovete aggiungere costi ulteriori, ad esempio per la valigia, che alla fine aumentano considerevolmente il prezzo dichiarato.

All’aeroporto JFK l’attesa per i controlli è lunga, cercate quindi di prevedere un orario di arrivo buono. Da lì è facile seguire le indicazioni per l’Air Train (non si paga all’entrata, troverete le macchinette all’uscita) per scendere a Jamaica Station. Cercate il percorso giusto per il vostro hotel su Google Map prima di partire: noi abbiamo semplicemente preso la linea E (blu) fino a Queens Plaza.

DOVE DORMIRE

Ad agosto i prezzi sono più alti e in due non abbiamo trovato grandi vantaggi negli appartamenti in affitto temporaneo. Infine, anche per non avere problemi di orari e chiavi, abbiamo optato per un hotel – Sleep Inn Hotel – in zona Long Island City, nel Queens. Ci siamo trovati benissimo, ambiente semplice, personale simpatico, colazione essenziale ma completa di tutto.

L’hotel è ben collegato con la metropolitana: in poche fermate si è nel centro di Manhattan. La zona apparentemente è un po’ isolata, fatta di capannoni e rimesse auto, ma non abbiamo mai avvertito un senso di pericolo o minaccia. In tutto, incluse le tasse e la colazione, abbiamo speso 150 dollari a notte. A disposizione dei clienti giorno e notte la zona caffè e il distributore del ghiaccio che d’estate è molto gradevole.

Proprio parlando di tasse, occhio alle tariffe: dovete sempre considerare un aumento di almeno un terzo del prezzo più le tasse di soggiorno. Prima di prenotare accertatevi che sia tutto incluso! Per il resto scegliete un appartamento o un hotel che abbia nelle vicinanze una fermata metro, possibilmente con più linee a disposizione.

NEW YORK PASS

Per organizzare un viaggio a New York, potete leggere informazioni sulle attrazioni da visitare sul sito ufficiale www.nycgo.com/. Nello stesso sito è possibile acquistare uno dei pass che consentono di risparmiare sulle entrate. La scelta del pass dipende da cosa intendete visitare. Sarà sufficiente fare un calcolo dei costi. Se avete pochi giorni o non desiderate visitare musei o altro, probabilmente è inutile acquistare un pass.

Noi abbiamo optato per il New York Explorer: potete scegliere dalle 3 alle 10 attrazioni e non c’è bisogno di selezionarle prima di partire. Semplicemente scaleranno man mano che le userete. Il pass dovrebbe consentire di saltare le file, ma in realtà questo per noi è avvenuto solo in un paio di musei.

Se poi volete risparmiare realmente, potete segnarvi il giorno e gli orari in cui i musei sono gratuiti e organizzarvi per tempo. Alcuni hanno l’entrata “a sottoscrizione” nel senso che espongono un prezzo suggerito, ma non obbligatorio. Noi abbiamo visto sempre pagare il biglietto intero, ad eccezione dell’American Museum of Natural History.

COSA VEDERE

Banalmente rispondiamo che dipende dai gusti e dalle scelte. Noi amiamo molto girare e vivere le città, ma a Nyc abbiamo deciso di dedicare tempo anche ai musei principali e ai punti di vista più belli (Empire State Building e Top of The Rock). Per questo abbiamo scelto da casa di acquistare l’Explorer che resta a nostro avviso il miglior pass disponibile.

L’unica visita “guidata” che abbiamo fatto (selezionata tra le attrazioni del Pass) è stata quella del Central Park in bicicletta, da non consigliare perché in realtà si corre troppo per raggiungere i diversi punti “celebri” del parco e non si gode per niente la sua atmosfera. Andateci con calma, a piedi (nei viottoli del parco è sempre vietato l’accesso in bici) e fermatevi per un bel pic nic.

Anche i parchi “minori” sono bellissimi e pieni di vita, come Bryant Park e Madison Square Park. Tra i musei, il Met è da non perdere, a nostro avviso al primo posto in assoluto. Il Natural History Museum è invece ideale solo per bambini o per appassionati di scienze naturali, ma per il resto dei turisti non è indicato particolarmente. Il Moma e il Guggenheim da vedere se avete tempo, ma sempre dopo il Met.

Ellis Island è emozionante, da inserire nel tour, e la Circle Line molto suggestiva se fatta al tramonto (noi abbiamo preso quella in partenza alle 19:00 – ca. 2 ore).

Girate i quartieri di moda come Soho e il Village, addentratevi per Chinatown e lasciatevi tempo per un pic nic sulla High Line, acquistando qualcosa nel Chelsea Market. Per il nostro itinerario completo vi rimandiamo al prossimo articolo…

VISITARE NEW YORK CITY

ORARI

Consigliamo l’Empire State Building la mattina (sfruttate il jet lag del primo giorno) alle 8:30: eviterete lunghe file ed avrete tutta per voi la vista su Manhattan, probabilmente la più bella in assoluto. Per il Top of The Rock scegliete il tramonto, ma sappiate che la fila è lunga, vi prenderà almeno 45 minuti (tra biglietti e controlli). Avendo a disposizione la luce estiva noi siamo riusciti ad osservare il tramonto intorno alle otto di sera.

Nei primi giorni a New York date un’occhiata all’orario in cui la luce inizia a calare…per i musei fate attenzioni alle chiusure, molto anticipate rispetto all’Italia. Nonostante fosse estate, noi ci siamo ritrovati ad uscire di corsa dal Met alle 17:00.

Per mangiare non abbiamo avuto nessun problema di orari (siamo arrivati anche alle 21:30/22:00) né di file nei posti turistici. Non siamo mai tornati troppo tardi la notte, quindi non abbiamo avuto problemi di metropolitana, ma verificate sempre gli orari della vostra linea e osservate in alto a destra nella mappa della metro: vi dirà quali linee non circolano nel fine settimana.

COSA MANGIARE

Domanda da milioni di risposte. Dipenderà solo da voi, dai vostri gusti e dalle scelte. A Nyc c’è tutto e un mix di ogni cosa. Noi abbiamo dato la precedenza ai classici ma intramontabili hot dog per strada, agli hamburger più “gourmet”, alle bbq americane, ma anche alle insalate mangiate insieme ai lavoratori del Financial District, ai piatti pronti del Whole Foods Market e di Dean and DeLuca, alla soffice e alta pizza “americana” di Dominos’s, a cookies e pretzel come spuntini. Un quartiere molto carino dove mangiare è il Lower East Side, pieno di locali dove bere e assaporare cucine di ogni parte del mondo.

MUOVERSI A NEW YORK

La metropolitana consente di raggiungere tutti i quartieri. Procuratevi una mappa e non sarà difficile muovervi. Per prima cosa i newyorkesi si fermano a dare aiuto non appena vedono un turista spaesato. Secondo, non è poi così complicato usare la metro:

  1. Osservate il punto in cui vi trovate e quello da raggiungere: trovate la linea con la fermata più vicina, controllate il colore e la lettera della linea. Uno stesso colore può avere tragitti diversi, contraddistinti dalle lettere.
  2. Ora osservate se dovete dirigervi verso “l’alto” (considerando che l’isola di Manhattan è quasi un rettangolo allungato da nord a sud), in direzione “Uptown”, o verso “il basso”, in direzione “Downtown”. In metro dovrete cercare il colore della linea e la direzione giusta (uptown o downtown). A volte sarà necessario attraversare la strada e scendere nella fermata opposta.
  3. Un’altra cosa da osservare sulla carta è il colore del pallino della fermata: è bianco o nero? Una linea dello stesso colore può avere un treno “local” che fa tante piccole fermate (indicate con pallino nero) e uno diretto che fa poche fermate (indicate con pallino bianco). Se il luogo da raggiungere si trova vicino ad una fermata indicata con pallino nero, dovrete prendere una local perché la diretta non farà la fermata. La local e la diretta si distinguono con dei numeri (1,2,3) che vedrete indicati vicino al nome della fermata (nella guida Lonely Planet viene precisato insieme all’indirizzo del luogo).

Potete fare la metrocard alle macchinette presenti in ogni stazione: vi sarà commissionato 1 dollaro per la carta e potrete scegliere se ricaricarla in base al “tempo” o all’importo.

Scegliendo tempo, andrete alla schermata dove selezionare la carta da 1 settimana, circa 30 dollari per muovervi in libertà! Non preoccupatevi se non dovesse funzionare il passaggio attraverso i tornelli, con il tempo prenderete la mano e capirete la velocità giusta con cui passare la carta. Nel frattempo potrete usare la porta di emergenza, non sarete i soli…

Per il resto camminate, camminate, camminate: portate almeno due paia di scarpe da ginnastica (o compratele sul posto), saranno le vostre migliori amiche.

SHOPPING A NYC

Ogni vetrina è un’attrazione, a Nyc è difficile stare lontani dallo shopping persino per chi non è un appassionato. Per tutti i gusti il notissimo Century 21 (22 Cortlandt St), grande magazzino in zona World Trade Center (il negozio del Lincoln Center è molto più piccolo), con sconti di ogni tipo su qualsiasi articolo. Da vedere poi i grandi magazzini Macy’s e i bellissimi negozi sulla V Avenue: non esitate ad entrare da Tiffany, nessuno si scandalizza per come si è vestiti o pettinati, a Nyc non si fa caso a infradito e canottiere! Per il resto, ad ognuno il proprio shopping, dai sofisticati negozi di Soho ai più commerciali dei dintorni di Times Square. Gli appassionati di fotografia possono fare acquisti nel famoso B&H (420 9th Ave, New York).

ORGANIZZARE UN VIAGGIO A NEW YORK: SERVIZI E INDIRIZZI UTILI

FARMACIE

Qualsiasi cosa vi serva a Nyc è facilmente acquistabile in parafarmacie che sono anche veri supermercati. Ovviamente alcuni medicinali, come gli antibiotici, si vendono solo su presentazione di ricetta medica. Se avete bisogno di particolari medicine pensate a comprarle in Italia e portarle con voi nel viaggio a New York.

WI-FI a New York

Avete bisogno di controllare un indirizzo o un percorso? A New York troverete facilmente un wi-fi. Noi abbiamo usato il collegamento gratuito nei musei, all’interno di Macy’s, del Rockfeller Center, di alcuni fast-food. Di solito dovete selezionarlo tra i collegamenti disponibili wi-fi poi provare a navigare e inserire nome ed e-mail quando richiesto.

SERVIZI

Ultimo, ma non per importanza in un viaggio a New York, il capitolo “restrooms”. Nel Central Park esistono diversi punti in cui trovare i servizi, ad esempio vicino al Lago, nei pressi del Bow Bridge. State attenti ad ordinare lunghi caffè da Starbucks per poter accedere ai servizi perché quasi mai hanno bagni! Potete entrare liberamente nei bagni di Eataly, Macy’s, nel Rockfeller Center e all’interno del Chelsea market. Di solito anche da Whole Foods. Ovviamente troverete restrooms all’interno di tutti i musei e le attrazioni, Circle Line inclusa. A Coney Island ci sono bagni sulla spiaggia e da Nathan’s.

viaggio a New York

Tags:

One comment

  1. Concordo pienamente, soprattutto su Sleep Inn Hotel di LIC, visto che ci ho alloggiato pure io a inizio giugno!! Ulteriori dettagli nel mio racconto di viaggio sul blog mypunkbox.blogspot.it !Bravi!!
    Alice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*